Il ddl concorrenza e le modifiche al Codice dei Beni Culturali (dlgs 42/2004)

legge a confronto

Annunci

Verso una democrazia della cultura: libero accesso e libera condivisione dei dati

Quali sono le ultime novità apportate nel campo della riproduzione dei beni culturali a seguito dell’entrata in vigore della L. 124/2017? Quali sono le sfide future relative all’uso dell’immagine dei beni culturali e alla cd. libertà di panorama? Cosa si intende per libera circolazione dei dati in ambito archeologico?

Risponde a questi interrogativi il saggio di M. Modolo, Verso una democrazia della cultura: libero accesso e libera condivisione dei dati, uscito nel volume “Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico” a cura di Mirella Serlorenzi e Ilaria Jovine,  supplemento 9/2017 della rivista “Archeologia e Calcolatori”, dove sono stati pubblicati gli atti del convegno “Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico” (Museo Nazionale Romano, 14/10/2015).

Ecco il sommario:

Libere riproduzioni in archivi e biblioteche per finalità di ricerca

Libero riuso delle immagini di beni culturali

Limiti all’uso delle immagini di beni culturali secondo il codice dei beni
culturali

Libero riuso commerciale delle digitalizzazioni: alcune esperienze
internazionali

Considerazioni a margine della Direttiva 2013/37/UE e del D.lgs. 102/2015
sul riuso dei dati della pubblica amministrazione

Libero riuso, “mercificazione della cultura” e “tutela del decoro”

Libertà di panorama

La libera circolazione dei dati in ambito archeologico

Per scaricare il pdf (licenza CC BY SA NC) clicca qui: QUI

M. Modolo, Verso una democrazia della cultura: libero accesso e libera condivisione dei dati, M. Serlorenzi e I. Jovine (a cura di), Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico, Atti del IV Convegno di Studi SITAR (Roma, 14 ottobre 2015), Archeologia e Calcolatori, Supplemento 9, ed. All’Insegna del Giglio) [ISBN 9788878147812 ed e-ISBN: 9788878147829], pp. 109-132.

LOGO FOTOLIBEREBBCC

 

Cookie policy

WordPress.com è servizio di hosting blog gestito da Automattic dove ogni utente ha un’autonomia limitata nella gestione del proprio dominio.

Non conoscendo le dinamiche di gestione dei dati di Automattic, posso affermare che la sottoscritta si avvale solo ed esclusivamente di cookie tecnici che sono indispensabili per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche completamente anonime e di social icon che consentono di condividere gli articoli sui social network (ti consiglio di leggere le normative di ogni singolo social in materia di cookie: Twitter, Facebook, Googleplus, Linkedin, Tumblr, Pinterest). Inoltre sono presenti due widget testuali i cui cookie e relativi dati sono gestiti direttamente Facebook e Twitter (cookie di terzi parti).

Questo spazio di comunicazione non utilizza gli utenti, e i loro relativi dati, per sviluppare campagne di marketing personalizzato pertanto qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipende dal blog appuntidiarchivistica.wordpress.com ma da soggetti esterni al blog che chiaramente sono ignoti alla sottoscritta.  Se non si accettano tali condizioni è possibile abbandonare il blog oppure non condividere sui social gli articoli ovvero disattivare i cookie direttamente dal proprio browser.

LIBERE RIPRODUZIONI DI BENI CULTURALI:
PRINCIPALE RASSEGNA STAMPA

PRIMA DELL’ART BONUS

• A. Brugnoli, S. Gardini, Fotografia digitale, beni archivistici e utenti: l’impiego e la diffusione di una nuova tecnologia nella normativa e nelle iniziative dell’amministrazione archivistica, in Archivi e Computer, marzo 2013, pp. 213-256:
https://goo.gl/R6Lj8u

Appello delle Società Scientifiche al Ministro Bray per la fotografia digitale, in Reti Medievali
11 settembre 2013
http://www.rm.unina.it/index.php?action=viewnews&news=1379082134

• A. Brugnoli, Riproduzione di beni culturali. Appello al ministro Bray, in ROARS
25 settembre 2013:
http://www.roars.it/online/riproduzione-di-beni-culturali-appello-al-ministro-bray/

• G. Volpe, L’immagine negata, in Il Manifesto
30 gennaio 2014:
http://www.giulianovolpe.it/it/14/L%E2%80%99immagine_negata/317/

DOPO L’ART BONUS

• G. Volpe, Una grave limitazione alla libertà di riproduzione dei beni culturali, in Giuliano Volpe (blog personale).
14 luglio 2014:
http://www.giulianovolpe.it/it/14/Una_grave_limitazione_alla_libert%C3%A0_di_riproduzione_dei_beni_culturali/375/

p
• M. Modolo, Il sogno infranto delle libere riproduzioni, in Il Giornale dell’Arte, p. 10
settembre 2014:
http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2014/9/120926.html

p
• A. Brugnoli, Ancora sulla riproduzione dei beni culturali, in ROARS
5 ottobre 2014:
http://www.roars.it/online/ancora-sulla-riproduzione-dei-beni-culturali/

p
• G. A. Stella, La gabella (da abolire) che pesa sugli studiosi, in Il Corriere della Sera, p. 45,
5 novembre 2014:
http://archiviostorico.corriere.it/2014/novembre/05/gabella_abolire_che_pesa_sugli_co_0_20141105_af23163c-64b8-11e4-8d09-2f9615f0b0f8.shtml

p
• S. Corarze, Art Bonus? Ai turisti, non agli studiosi, in Golem,
7 novembre 2014:
http://www.goleminformazione.it/articoli/artbonus-ai-turisti-non-agli-studiosi.html#.VXNfzEYrgnI

p

• A. Tumicelli, La questione giuridica della riproduzione dei beni bibliografici e archivistici, 5 dicembre 2014:
http://www.diritto.it/docs/36721-la-questione-giuridica-della-riproduzione-deibeni-bibliografici-e-archivistici

p

• D. Manacorda, FOTOGRAFARE in D. Manacorda, L’Italia agli Italiani. Istruzioni e ostruzioni per il patrimonio culturale, Bari 2014, pp. 87-92. Download PDF: FOTOGRAFARE da Manacorda L’Italia agli italiani 23-1

p

• D. Manacorda, Petrolio, in L. Carletti, C. Giometti (a cura di), De Tutela. Idee a confronto per la salvaguardia del patrimonio culturale e paesaggistico, Pisa 2014, pp. 117-123:
https://goo.gl/yZDsNi

p

• G. Gallo, Il decreto Art Bonus e la riproducibilità dei beni culturali, in Aedon, 3, 2014:
http://www.aedon.mulino.it/archivio/2014/3/gallo.htm

p

• Claudio Giunta, Viva l’epoca della riproducibilità tecnica!, in Domenicale del Sole 24 ore, 4 gennaio 2015:
http://www.claudiogiunta.it/2015/01/viva-lepoca-della-riproducibilita-tecnica/

p
• P. Romi, Se un giorno d’estate un ricercatore (o sulle limitazioni alla libertà di fotografare fonti archivistiche e bibliografiche), in Professione Archeologo (blog)
27 febbraio 2015:
http://www.professionearcheologo.it/se-un-giorno-destate-un-ricercatore-o-sulle-limitazioni-alla-liberta-di-fotografare-fonti-archivistiche-e-bibliografiche/

p

• G. A. Stella, Le costose riproduzioni dei nostri libri antichi, in Il Corriere della Sera, p. 45
4 marzo 2015:
http://archiviostorico.corriere.it/2015/marzo/04/costose_riproduzioni_dei_nostri_libri_co_0_20150304_94c0dea4-c23d-11e4-b691-b924edc2da74.shtml

p
• R. Lupoli, Libere foto di fonti documentarie in archivi e biblioteche in libero Stato, in Left
11 marzo 2015:
http://www.left.it/2015/03/11/libera-foto-di-fonti-documentarie-in-archivi-e-biblioteche-in-libero-stato/

p
• M. Modolo, Ricerca storica e libertà di scatto. Una raccolta firme a favore della riproduzione libera e gratuita delle fonti documentarie in archivi e biblioteche, in Giornale dell’Arte (ed. online)
10 aprile 2015:
http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2015/4/123892.html

p
• C. Pavolini, La situazione attuale delle Soprintendenze: alcune proposte, in Patrimonio SOS
13 aprile 2015:
http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getintervento&id=1138

p

• L. Casini, Gli archivi nella riforma dei Beni Culturali, in Aedon, 1, 2015:
http://www.aedon.mulino.it/archivio/2015/1/casini.htm

p

• A. Pigliaru, Un selfie pagato a caro prezzo in Il Manifesto:
17 giugno 2015
http://ilmanifesto.info/un-selfie-pagato-a-caro-prezzo/

p
• C. Ciociola, Libere riproduzioni negli archivi e nelle biblioteche, in Treccani PEM
18 giugno 2015
http://www.treccani.it/magazine/cultura/Libere_riproduzioni_negli_archivi_e_nelle_biblioteche.html#

p

• G. A. Stella, Biblioteche, scene da una catastrofe, in Corriere della Sera
12 settembre 2015
http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=120682

L’Archivio di Stato di Firenze, un anno dopo: la “liberalizzazione” dimenticata

Esattamente un anno fa, il 6 giugno 2014, l’Archivio di Stato di Firenze rendeva libere e gratuite le riproduzioni con mezzo proprio in ossequio al Decreto “Art Bonus” appena entrato in vigore, annunciato da un avviso affisso in archivio (foto in basso). Appena un mese dopo, a seguito dell’approvazione dell’emendamento che escludeva i beni bibliografici, l’Archivio fu costretto a rinunciare alla liberalizzazione, che oggi viene invece ricordata dalla stessa responsabile della sala studio, la dott.ssa Francesca Klein, come una misura importante non solo per la ricerca ma anche per la conservazione del patrimonio documentario. Si riportano in basso le parole della dottoressa:

asf

Sperando di recare ulteriore materia di riflessione sul problema della fotoriproduzione segnalo che negli Archivi nazionali in Francia e del  Regno unito è consentito eseguire direttamente riproduzioni  in sala di studio, senza corrispettivo, purché non a contatto e senza flash.

Questo sistema è stato introdotto anche nell’Archivio di Stato di Firenze dal giugno 2014 in applicazione del decreto 83/2014, fino a quando non è stato disposto diversamente, al momento della sua conversione in legge il 29 luglio 2014 . Abbiamo potuto riscontrare che  la fotoriproduzione diretta da parte dell’utente non disturba i lavori degli altri studiosi e non danneggia i pezzi, che anzi sono sottoposti a minori movimentazioni (sala di studio- depositi – laboratorio di fotoriproduzione- depositi)

Rimane tuttavia il problema, non di poco conto,  delle fotoriproduzioni “professionali”: per pubblicazione o per utenti  remoti che non hanno la possibilità di accedere alla Sala di studio. Per questo, ad esempio a Parigi, è in funzione  il servizio di fotoriproduzione di Istituto, anche se   si parla di “plusieurs mois” di attesa e per le tariffe applicate cfr.: http://www.archives-nationales.culture.gouv.fr/documents/10157/11409/2013_12_tarifs_reproduction_document.pdf/7f853b31-f601-4d6a-a673-0ba85d2bf115 . Questa soluzione comporta che i laboratori interni agli istituti debbono essere  dotati di adeguato personale, non di  un solo operatore tecnico e per di più a part time, come a Firenze (3 giorni la settimana di presenza,  incaricato di occuparsi oltre che delle fotoriproduzioni di sicurezza per l’Istituto, anche di aggiornare il sito web, delle apparecchiature informatiche etc. etc…). Altrimenti le riproduzioni di tipo “professionale” dovranno essere eseguite da fotografi privati, previo pagamento dei  diritti di riproduzione stabiliti (o da ridefinire)

Francesca Klein, Archivista di Stato (Archivio di Stato di Firenze) –  contributo comparso il 23/3/2015 sulla lista di discussione “Archivi 23″

“FOTOGRAFIE LIBERE PER I BENI CULTURALI” è un libero movimento di idee che mira a rendere libera da preventiva autorizzazione e gratuita la riproduzione, tramite fotocamera (o smartphone) personale, delle fonti storico-documentarie normalmente disponibili alla diretta consultazione in archivi e biblioteche nel rispetto delle norme a tutela della privacy e del diritto di autore. Il movimento sostiene la necessità di ripristinare lo spirito originario del decreto ‘”Art Bonus”, che aveva introdotto la libera riproduzione di tutti i beni culturali (come espresso dalla relazione illustrativa della Camera dei Deputati) al fine di agevolare al massimo la ricerca scientifica condotta ogni giorno da centinaia di ricercatori e professionisti dei bei culturali (storici, storici dell’arte, archeologi, restauratori, architetti) già costretti ad operare in condizioni economiche e professionali assai precarie, il più delle volte armati della sola passione.

Al nostro appello hanno già risposto più di 3100 studiosi da tutto il mondo: per sottoscriverlo CLICCA QUI

Ma quali sono in concreto le ragioni per cui sarebbe opportuno e urgente liberalizzare le riproduzioni delle fonti documentarie?

ECCO 10 BUONI MOTIVI:
1. La tecnologia digitale agevola sensibilmente le operazioni di trascrizione, con la possibilità di rivedere la propria trascrizione in luoghi e tempi diversi da quelli di consultazione diretta;
2. Lo scatto fotografico è assimilabile nello spirito e nelle funzioni all’atto di prendere appunti (la fotocamera digitale è mezzo di fruizione del documento come la matita personale o il computer portatile);
3. La riproduzione a distanza non sottopone di per sé la documentazione ad uno stress maggiore di quello subito durante la normale consultazione;
4. La riproduzione a distanza contribuisce anzi alla sua tutela del documento sia perché, a differenza della fotocopia, non implica un contatto diretto con il supporto, sia perché riduce al minimo il numero di accessi diretti alla documentazione consultata;
5. Si rendono più sostenibili i costi della ricerca permettendo agli utenti degli archivi di evitare lunghi e costosi soggiorni in trasferta;
6. Si attenuano le disparità esistenti tra studiosi che dispongono di maggiori o minori risorse economiche, contribuendo a garantire un accesso più democratico ai fondi documentari (si pensi ai giovani laureandi, ai dottorandi privi di borsa, ma anche a tutti coloro i quali sono costretti a rinunciare alla ricerca archivistica per motivi di tempo e per i quali la fotografia libera sarebbe invece un valido supporto);
7. Si incentiva la valorizzazione del patrimonio archivistico e bibliografico nazionale coinvolgendo come soggetti attivi un maggior numero di studiosi;
8. Si contribuisce a valorizzare l’insieme del nostro patrimonio culturale: il turismo di qualità si nutre infatti di contenuti culturali che sono spesso esito della ricerca documentaria condotta in archivi e biblioteche;
9. Può costituire un’occasione di rilancio dell’immagine delle biblioteche e degli archivi che, sempre più marginalizzati, stentano ad essere percepiti come effettivi centri di diffusione della cultura oltre che come centri di conservazione;
10. Liberalizzare significherebbe stringere una rinnovata ‘alleanza’ tra operatori e utenza risaldandone il fondamentale rapporto fiduciario: da un lato numerosi utenti in archivio eviterebbero tentativi di eludere la sorveglianza fotografando furtivamente manoscritti e documenti in violazione delle norme, dall’altro gli istituti che custodiscono i fondi documentari sarebbero nelle condizioni di favorire il più ampio accesso alle fonti e creando le condizioni per la più ampia diffusione del sapere. La British Library proprio dal 2015 ha deciso di aprire le porte alle fotocamere degli studiosi proprio per rispondere alle crescenti richieste dell’utenza diffondendo persino un video guida dimostrativo per la corretta riproduzione: http://www.bl.uk/reshelp/inrrooms/stp/copy/selfsrvcopy/book_photography_video.mp4

Per sottoscrivere l’appello a favore della libera riproduzione CLICCA QUI

Per scaricare il testo in pdf della proposta cliccare qui:

PROPOSTA DI MODIFICA ART_108.

Introduzione

Il movimento “Fotografie libere per i Beni Culturali”  ha raccolto sinora più di 3000 firme di studiosi e funzionari della pubblica amministrazione a sostegno della libera riproduzione con mezzi digitali propri a distanza (fotocamere o smartphone, e non scanner o fotocopiatrici che comportano un contatto potenzialmente dannoso ai fini conservativi) di beni bibliografici e archivistici, nel rispetto delle norme a tutela della privacy, del diritto di autore e dell’integrità del bene, come del resto già avviene nei più importanti archivi e biblioteche del resto del mondo. Libertà di riproduzione significa gratuità dello scatto effettuato con mezzo proprio, senza limiti nel numero di fogli o unità archivistiche da riprodurre ed esenzione dall’autorizzazione preventiva. In altre parole si chiede di poter fotografare a distanza ciò che è normalmente manipolabile in sala studio nel corso della normale attività di consultazione al fine di agevolare la trascrizione dei testi, rendere possibile la libera condivisione in rete delle fonti documentarie e favorire la conservazione dei supporti limitando consultazioni reiterate.
Si chiede perciò di estendere nuovamente la libera riproduzione alle fonti documentarie conservate in archivi e biblioteche, come già espresso nel dettato originario del decreto originario Art Bonus entrato in vigore il 1 giugno 2014 (decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83), poi convertito nella legge 29 luglio 2014, n. 106 con un emendamento, approvato alla Camera dei Deputati il 9 luglio 2014, che esclude dalla liberalizzazione i beni bibliografici e archivistici (documenti di archivio, codici manoscritti e volumi a stampa non più tutelati dal diritto di autore). Per la parte rimanente dei beni culturali la riproduzione è infatti già svincolata da preventiva autorizzazione e gratuita: in altre parole chiunque può fotografare in libertà con la propria fotocamera beni culturali esposti nei musei purché le immagini siano impiegate per scopi diversi dal lucro. Gli effetti di tale disallineamento sono paradossali: se infatti i turisti sono liberi di fotografare le opere esposte nei musei italiani, gli studiosi che frequentano archivi e biblioteche per necessità di studio o lavoro non potranno godere della liberalizzazione, non sarà cioè consentito loro di usufruire dei vantaggi della ripresa digitale per agevolare l’attività di trascrizione dei documenti (e di verifica sui testi già trascritti), con grave danno soprattutto per coloro i quali sono costretti a raggiungere un archivio distante centinaia di chilometri dalla propria sede. Attualmente la fotografia con mezzo proprio in alcuni istituti è infatti tassata (con tariffe variabili da 3 euro per ogni faldone fino a 2 euro per ogni singolo scatto ), mentre in altri è addirittura proibita al solo scopo di assicurare adeguati margini di profitto alle ditte private di riproduzione a cui biblioteche e archivi concedono in appalto esclusivo il servizio di fotoriproduzione. La prassi di esigere dagli utenti di archivi e biblioteche corrispettivi per servizi che l’utente può svolgere autonomamente con il proprio mezzo, senza cioè gravare in alcun modo sull’amministrazione, appare in linea di principio iniqua e fortemente limitativa della possibilità di fruire dei beni bibliografici e archivistici per scopi di ricerca e valorizzazione vincolando spesso la ricerca alla disponibilità economica di ciascuno. Ancor più limitante sotto questo profilo risulta l’obbligo imposto agli utenti di ricorrere ad un servizio di riproduzione svolto da terzi, che necessariamente viene erogato a titolo oneroso, con conseguente dispendio di tempo per l’utente.
Al fine di superare definitivamente ed efficacemente le difficoltà appena esposte e ristabilire un rapporto di proficua fiducia e collaborazione tra utenza e amministrazione, si propone di rendere libera e gratuita la riproduzione con mezzo proprio delle fonti documentarie conservate in archivi e biblioteche svolta con finalità di studio e ricerca, allineandosi da un lato alle migliori prassi europee (U.K. National Archives, British Library, Archives Nationales ), dall’altro allo spirito originario del decreto Art Bonus che, in ossequio agli artt. 9 e 33 della Costituzione, non operava alcuna distinzione tra le categorie di bene culturale, allo scopo di favorire la massima circolazione delle immagini di beni culturali. Si legge infatti nel testo della relazione illustrativa del 30 maggio 2014 che ha accompagnato l’entrata in vigore del decreto stesso: «L’imposizione di un rigido sistema di restrizioni alla circolazione delle immagini di beni culturali, ove effettuate per scopi non lucrativi appare non pienamente rispondente al dettato costituzionale che, da un lato, pone a carico della Repubblica il compito di promuovere la cultura (articolo 9, primo comma, della Costituzione) e, dall’altro, sancisce il diritto alla libera manifestazione del pensiero (art. 33)» .
Per questa ragione l’Art Bonus ha stabilito la liberalizzazione delle riproduzioni, da intendersi non solo come possibilità di riprodurre gratuitamente con il proprio mezzo i beni culturali, ma anche come esonero dall’obbligo dell’autorizzazione preventiva alla riproduzione e all’uso della riproduzione stessa per attività non lucrative. Di conseguenza il potere di controllo ex post del Ministero, atto a verificare che la riproduzione sia finalizzata effettivamente a uno degli scopi previsti dalla norma, sostituisce il potere di rilasciare le concessioni ex ante, previsto dall’art. 107 del Codice .
Sul solco delle linee guida culturali espresse dall’Art Bonus, il movimento richiede di rendere libere le riproduzioni di beni archivistici e bibliografici con mezzo proprio: libere cioè da autorizzazione preventiva per attività non lucrative (studio, ricerca, pubblicazioni scientifiche ‘non a scopo di lucro’), libere dal pagamento di corrispettivi di riproduzione per l’utilizzo del mezzo proprio (salvo il rimborso delle spese sostenute dall’amministrazione nel caso l’utente decida di ricorrere ad un servizio esterno di riproduzione) e libere infine dal pagamento di canone d’uso per attività di studio e pubblicazioni scientifiche non a scopo di lucro.
Al fine di facilitare non solo la ricerca ma anche la pubblicazione degli esiti della stessa in una ottica di diffusione feconda del sapere, si propone in questa sede di disciplinare più nel dettaglio l’utilizzo delle immagini di beni culturali regolato dall’art. 108 comma 3 bis nella nuova formulazione introdotta dall’Art Bonus, che stabilisce la libera «divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali» per attività non lucrative, in deroga evidentemente alla necessità di autorizzazione prevista dall’art. 107, che invece continua a sussistere per l’utilizzo delle immagini a scopo di lucro.
Al fine di agevolare la pubblicazione degli esiti delle ricerche che alimentano la ricerca e ne esaltano il senso ultimo, si propone di ridefinire la categoria dell’attività svolta ‘a scopo di lucro’, attraverso la soppressione della prassi autorizzatoria per quelle pubblicazioni editoriali scientifiche minori, che sono cioè caratterizzate da tiratura e prezzo di copertina limitati. Ciò consentirebbe infatti di semplificare la relativa procedura burocratica con ovvi benefici e risparmi non solo per l’utenza, ma anche per l’amministrazione detentrice del bene da riprodurre, che eviterebbe di impegnarsi in procedure amministrative superflue per dedicarsi a più utili attività nell’ambito della gestione di un archivio o di una biblioteca. Verrebbe meno così l’obbligo, attualmente a carico dell’utente, di inoltrare all’amministrazione che detiene il bene culturale la richiesta formale di autorizzazione alla pubblicazione della riproduzione dello stesso corredata da marca da bollo, autorizzazione che tra l’altro appare del tutto superflua, dal momento che di fatto non sussiste alcuna valida ragione per negare la pubblicazione di una riproduzione a scopo scientifico. In questi casi l’ente detentore si riserverebbe, come previsto dall’Art Bonus, la facoltà di effettuare controlli ex post sull’uso delle immagini di beni culturali, mentre la richiesta di concessione potrà invece essere sostituita da una più rapida comunicazione obbligatoria dell’intenzione di pubblicare, con obbligo di specificare origine dell’immagine e di consegna all’ente che detiene l’originale di una copia della pubblicazione, anche on-line.
È evidente che una pubblicazione editoriale a rigore è da ritenersi l’esito di una attività a scopo di lucro per l’editore, ma va considerata anche come l’esito di una attività di valorizzazione, in quanto permette all’autore di diffondere al pubblico contenuti culturali partecipando al processo di diffusione del sapere. Nel rapporto tra funzione lucrativa ed educativa/culturale, appare allora quantomai opportuno operare alcune distinzioni nella categoria delle pubblicazioni a scopo di lucro, secondo criteri che si possono utilmente rivenire nel testo della circolare ministeriale 21/2005, che dispensa l’autore dal pagamento di canoni di pubblicazione per riviste o monografie con un prezzo di copertina inferiore ai 77 euro di prezzo di copertina e diffuse con una tiratura inferiore alle 2000 copie . Ai fini dell’esazione del canone d’uso la circolare aiuta di conseguenza ad individuare termini convenzionali entro i quali l’attività svolta possa intendersi come caratterizzata da uno scopo scientifico ‘prevalente’ rispetto alla finalità meramente lucrativa. I termini previsti dalla circolare 21/2005 aiutano perciò a disciplinare in modo ragionevole il rapporto lucro/non lucro anche nella disciplina autorizzatoria: l’autorizzazione rimarrà necessaria al di sopra della soglia prevista da tale circolare e si accompagnerà alla corresponsione dei diritti di pubblicazione, mentre al di sotto di essa sarà sostituita dall’obbligo di comunicare la volontà di pubblicazione dello studioso che consentirà all’ente proprietario o detentore dei beni culturali di essere informato su ogni ricerca scientifica che riguarderà il patrimonio documentario conservato nei rispettivi archivi e biblioteche.
Un’ultima notazione riguarda l’utilizzo di mezzi tecnologici a supporto del dispositivo di riproduzione, come flash e cavalletti, esplicitamente esclusi dal testo normativo vigente. Si propone una formulazione più generica, rimandando a ciascun ente la possibilità di regolamentare eventuali dispositivi accessori (anche perché le esigenze possono essere diverse da ente a ente, proprio in ragione dei materiali conservati). Ciò per non cadere nel ridicolo dell’attuale formula che vieta «’esposizione a sorgenti luminose» (!) nel corso della ripresa fotografica o perché possono insorgere nuovi strumenti inopportuni (asta per selfie, per esempio), ma anche perché è ormai noto che flash e stativi (che altro non sono che supporti statici per la riproduzione già in dotazione in alcune biblioteche) possono tranquillamente conciliarsi con la tutela del bene fotografato. Appare più opportuno riservare ogni decisione in questo senso agli enti conservatori, impartendo loro eventualmente delle linee guida a cui riferirsi.
Alla luce delle considerazioni e dei principi sopra esposti, al fine di sancire a livello normativo e in forma chiara natura e limiti della liberalizzazione dei beni culturali, è stata formulata nel paragrafo seguente una proposta di modifica dell’art. 108 del Codice dei Beni Culturali relativo alla riproduzione di beni culturali, che sarà necessario integrare con opportuni regolamenti adatti alla realtà e alle esigenze specifiche di archivi e biblioteche.

m
Dettaglio della proposta di modifica al Codice dei Beni Culturali
Nota: in rosso le integrazioni, sono barrate le espunzioni.
Art. 107. Uso strumentale e precario e riproduzione di beni culturali.
1. Il Ministero, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali possono consentire la riproduzione nonché l’uso strumentale e precario dei beni culturali che abbiano in consegna, fatte salve le disposizioni di cui al comma 2 e quelle in materia di diritto d’autore.
2. È di regola vietata la riproduzione di beni culturali che consista nel trarre calchi, per contatto, dagli originali di sculture e di opere a rilievo in genere, di qualunque materiale tali beni siano fatti. Tale riproduzione è consentita solo in via eccezionale e nel rispetto delle modalità stabilite con apposito decreto ministeriale. Sono invece consentiti, previa autorizzazione del soprintendente, i calchi da copie degli originali già esistenti nonché quelli ottenuti con tecniche che escludano il contatto diretto con l’originale.
________________________________________
Art. 108. Canoni di concessione, corrispettivi di riproduzione, cauzione.
1. I canoni di concessione ed i corrispettivi connessi alle riproduzioni di beni culturali sono determinati dall’autorità che ha in consegna i beni tenendo anche conto:
a) del carattere delle attività cui si riferiscono le concessioni d’uso;
b) dei mezzi e delle modalità di esecuzione delle riproduzioni;
c) del tipo e del tempo di utilizzazione degli spazi e dei beni;
d) dell’uso e della destinazione delle riproduzioni, nonché dei benefici economici che ne derivano al richiedente.
2. I canoni e i corrispettivi sono corrisposti, di regola, in via anticipata.
3. Nessun canone o corrispettivo è dovuto per le riproduzioni richieste o eseguite da privati per uso personale o per motivi di studio, ovvero da soggetti pubblici o privati per finalità di valorizzazione purché attuate senza scopo di lucro. I richiedenti sono comunque tenuti al rimborso delle spese sostenute dall’amministrazione concedente.

• RATIO: L’ipotesi di esclusione dal canone (diritti di riproduzione) o corrispettivo (tariffari a scatto per riproduzioni con mezzi propri) si attua sia nel caso di riproduzioni eseguite dall’utente, sia nel caso di riproduzioni richieste a terzi dall’utente. Nel caso in cui lo studioso decidesse di rivolgersi a un servizio di riproduzioni sarà comunque tenuto a corrispondere il rimborso spese per il servizio erogato. L’eliminazione del riferimento al «lucro indiretto» consente l’esenzione dal pagamento del canone (i cd. diritti di riproduzione) nell’ipotesi di immagini pubblicate a scopo prevalente di ricerca (cfr. circolare del 2005) al fine di promuovere l’attività di ricerca scientifica. Le pubblicazioni scientifiche nei limiti della circolare del 2005 rientrerebbero nella valorizzazione ‘senza fine di lucro’ sopra citata. Accanto alle riproduzioni richieste all’amministrazione vengono qui contemplate anche quelle ‘eseguite’ dai privati autonomamente con il proprio mezzo.

3-bis. Sono in ogni caso libere, in deroga all’autorizzazione prevista dall’art. 107 comma 1, le seguenti attività, svolte senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:
1. la riproduzione di beni culturali diversi dai beni bibliografici e archivistici sottoposti a restrizioni di accesso ai sensi delle disposizioni di cui al Capo III del presente Titolo, attuata nel rispetto del diritto di autore con modalità strumenti che non comportino alcun contatto fisico con il bene, ne’, all’interno degli istituti della cultura, l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose o l’uso di accessori potenzialmente dannosi per la conservazione del bene, ne’ l’uso di stativi o treppiedi;
2. la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro, neanche indiretto.
3. Nei casi in cui dall’attività in concessione possa derivare un pregiudizio ai beni culturali, l’autorità che ha in consegna i beni determina l’importo della cauzione, costituita anche mediante fideiussione bancaria o assicurativa. Per gli stessi motivi, la cauzione è dovuta anche nei casi di esenzione dal pagamento dei canoni e corrispettivi.
4. La cauzione è restituita quando sia stato accertato che i beni in concessione non hanno subito danni e le spese sostenute sono state rimborsate.
5. Gli importi minimi dei canoni e dei corrispettivi per l’uso e la riproduzione dei beni sono fissati con provvedimento dell’amministrazione concedente.

• RATIO: Viene esplicitata (“Sono in ogni caso libere, in deroga all’autorizzazione prevista dall’art. 107 comma 1…”), ribadendo il principio della liberalizzazione enunciato nella relazione illustrativa del decreto Art Bonus, la deroga alla prassi autorizzatoria, prevista dall’art. 107 comma 1, nel caso di riproduzioni effettuate per finalità educative e di ricerca, che potrà essere sostituita in quest’ultimo caso dall’obbligo di comunicare la sede editoriale di pubblicazione nei termini previsti dalla circolare 21/2005. Rimane tuttavia sempre valida la richiesta formale di autorizzazione per le riproduzioni di beni culturali pubblici a fine di lucro, ai sensi dell’art. 107 comma 1. Essendo già prevista la gratuità per scatti effettuati per scopi di studio nell’art. 108 comma da noi riformulato ne consegue che il concetto di ‘libertà’ di riproduzione all’art. 108 comma 3-bis possa essere inteso come libertà “da autorizzazione preventiva” per i casi di non lucro, rendendo in questo modo inequivocabile il noto spirito dell'”Art Bonus”. Nel voler distinguere in questo modo il concetto di gratuità da quello di esenzione da autorizzazione, si esplicita la ‘deroga’ all’autorizzazione sopra indicata, che rimane comunque valida per i casi di non lucro. Si tratta di una integrazione volta a chiarire il concetto di ‘libera riproduzione’ e dunque gli obiettivi dell’Art Bonus in materia di liberalizzazione di riproduzioni di beni culturali.
• RATIO: Si escludono dal novero dei beni culturali oggetto di liberalizzazione i beni archivistici già sottoposti a limitazione di accesso (artt. 122-126), così come i beni bibliografici tutelati dal diritto di autore (art. 107, comma 1). Contemporaneamente vengono esclusi per ragioni di tutela fisica del bene i mezzi tecnici come scanner e fotocopiatrici, potenzialmente lesive dell’integrità del bene a favore di dispositivi a distanza che non comportano un contatto diretto con il bene stesso. Si tratta di una modifica ritenuta necessaria a seguito di interpretazioni precedenti che hanno ritenuto di escludere i beni bibliografici e archivistici dalla libera riproduzione in quanto questi ultimi necessiterebbero di essere ‘manipolati’ per essere riprodotti creando quel contatto diretto che la legge esclude. Per questa ragione si è ritenuto di sostituire il termine generico ‘modalità’ con il termine più specifico ‘strumenti’, facendo seguito alle indicazioni del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici (http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1406010042551_Mozione_in_merito_alla_libera_riproduzione_di_beni_culturali.pdf). Il riferimento ad accessori potenzialmente dannosi rimette alla discrezione dei singoli istituti l’individuazione della tipologia di accessori rispetto al mezzo di riproduzione eventualmente ammessa nel corso delle riprese.

Mirco Modolo, Andrea Brugnoli, Stefano Gardini, Amedeo Tumicelli

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:

• A.Brugnoli, S.Gardini, Fotografia digitale, beni archivistici e utenti: l’impiego e la diffusione di una nuova tecnologia nella normativa e nelle iniziative dell’amministrazione archivistica, in Archivi e Computer, marzo 2013, pp. 213-256.
https://www.academia.edu/3237630/A._BRUGNOLI_S._GARDINI_Fotografia_digitale_beni_archivistici_e_utenti_l_impiego_e_la_diffusione_di_una_nuova_tecnologia_nella_normativa_e_nelle_iniziative_dell_amministrazione_archivistica

• A.Brugnoli, Riproduzione di beni culturali. Appello al ministro Bray, ROARS, 25/09/2013
http://www.roars.it/online/riproduzione-di-beni-culturali-appello-al-ministro-bray/

• M.Modolo, Il sogno infranto delle libere riproduzioni, in Il Giornale dell’Arte, settembre 2014, p. 10.
http://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2014/9/120926.html

• A.Brugnoli, Ancora sulla riproduzione dei beni culturali, ROARS, 5 ottobre 2014.
http://www.roars.it/online/ancora-sulla-riproduzione-dei-beni-culturali/

• A.Tumicelli, La questione giuridica della riproduzione dei beni bibliografici e archivistici http://www.diritto.it/docs/36721-la-questione-giuridica-della-riproduzione-deibeni-bibliografici-e-archivistici